Agenda

Agenda

Visualizza come: GrigliaCalendarioMappa

Eventi di mercoledì 28 giugno 2017

Cinema sotto le stelle 2017

Rassegna "Cinema sotto le stelle"

dal 17/06/2017  al 07/09/2017
Conservatorio di musica - I.S.S.M. "Franco Vittadini"
 

Chiostro Vittadini, Via Volta 31 Pavia. wichtig ist / l’importante è rassegna estiva di cinema all’aperto. Il titolo della rassegna estiva 2017 prende spunto da due ambiti apparentemente molto differenti e di fatto non così lontani tra di loro. Il primo è una frase attribuita a Albert Einstein, "Wichtig ist, daß man nicht aufhört zu fragen" e cioé "L'importante è che non si finisce mai di chiedere". E se lo sosteneva un genio assoluto come lui... Il secondo è quello più strettamente poetico ed è tratto da un'opera di François Villon composta nel 1400 dal titolo "Eine Ballade für den Hausgebrauch im Winter" (in traduzione letterale una ballata per utilizzo domestico  invernale). La frase completa è:     Wichtig ist nur, dass man nicht früher sich verliebt, als der Mond sein Kussgesicht durch das Fenster schiebt. L'importante è soltanto che   non ci si innamori prima che la luna con il suo volto di bacio non si sia spinta dalla finestra. Mentre la prima frase ci spinge a conoscere, a conoscere ed a conoscere ancora, non stancandoci mai di chiedere a libri, a concerti, a collezioni d'arte, al teatro e, perché no, anche al CINEMA di raccontarci qualcosa di  nuovo sul MONDO, la poesia è al solito più ficcante e complessa. Dobbiamo innamorarci. Ancora e sempre se vogliamo che valga la pena di vivere. Ma sarà SOLTANTO la luna ad insegnarci quando. E quale miglior viatico per una rassegna estiva all'aperto, proprio SOTTO LA LUNA, che ci spinge a conoscere, a vedere e ad innamorarci ancora non dimenticando mai Was Wichtig Ist, che cos'è che conta davvero. Abbiate visioni illuminate (magari da una serica luna) dunque. Un augurio da parte di roberto figazzolo PROGRAMMA RASSEGNA ESTIVA 2017 titoli e temi e tramine di roberto figazzolo GIUGNO 2017 - ore 21.30 STORIE & storie Sabato 17 THE FOUNDER di John Lee Hancock Domenica 18 IL CLIENTE di Asghar Farhadi RISCATTO Martedì 20 7 MINUTI di Michele Placido Giovedì 22 SING STREET di John Carney Sabato 24 PERICLE IL NERO di Stefano Mordini Domenica 25 LA VENDETTA DI UN UOMO TRANQUILLO di Raúl Arévalo DONNE & UOMINI Martedì 27 UN APPUNTAMENTO PER LA SPOSA di Rama Burshtein Giovedì 29 IN BETWEEN - LIBERE, DISOBBEDIENTI, INNAMORATE di Maysaloun Hamoud LUGLIO 2017 - ore 21.30 Sabato 1 CAPTAIN FANTASTIC di Matt Ross Domenica 2 MOONLIGHT di Barry Jenkins AFFETTI & DOVERI Martedì 4 LOVING di Jeff Nichols Giovedì 6 SNOWDEN di Oliver Stone Sabato 8 VI PRESENTO TONI ERDMANN di Maren Ade Domenica 9 ALLIED - UN’OMBRA NASCOSTA di Robert Zemeckis IL VIAGGIO Martedì 11 IN GUERRA PER AMORE di Pif Giovedì 13 AMORE E INGANNI di Whit Stillman Sabato 15 ANIMALI NOTTURNI di Tom Ford Domenica 16 LION - LA STRADA VERSO CASA di Garth Davis A CASA! Martedì 18 AQUARIUS di Kleber Mendonça Filho Giovedì 20 DOPO L'AMORE di Joachim Lafosse Sabato 22 MANCHESTER BY THE SEA di Kenneth Lonergan Domenica 23 ARRIVAL di Denis Villeneuve RITORNI & AGNIZIONI Martedì 25 E' SOLO LA FINE DEL MONDO di Xavier Dolan Giovedì 27 FRANTZ di François Ozon Sabato 29 FREE STATE OF JONES di Gary Ross Domenica 30 L'ALTRO VOLTO DELLA SPERANZA di Aki Kaurismäki AGOSTO 2017 - ore 21.30 SCOPERTE Martedì 1 LA RAGAZZA DEL TRENO di Tate Taylor Giovedì 3 VICTORIA di Sebastian Schipper (Versione originale sottotitolata) Sabato 5 SILENCE di Martin Scorsese Domenica 6 L'UOMO CHE VIDE L'INFINITO di Matt Brown Martedì 8 UN MOSTRO DALLE MILLE TESTE di Rodrigo Plà AVANGUARDIA? Martedì 22 SPIRA MIRABILIS di Massimo D'Anolfi e Martina Parenti Giovedì 24 NOSTALGIA DELLA LUCE di Patricio Guzmán Sabato 26 TRUMAN - UN VERO AMICO E’ PER SEMPRE di Cesc Gay Domenica 27 THE NEON DEMON di Nicolas Winding Refn MASSA & INDIVIDUO Martedì 29 UN MERCOLEDÍ DI MAGGIO di Vahid Jalilvand Giovedì 31 INDIVISIBILI di Edoardo De Angelis SETTEMBRE 2017  -  ore  21.30 Sabato 2 IO, DANIEL BLAKE di Ken Loach IO MI RIBELLO! Domenica 3 IL CITTADINO ILLUSTRE di Gastón Duprat Martedì 5 IL CLAN di Pablo Trapero Giovedì 7 LA LA LAND di Damien Chazelle   Biglietto intero € 5,00 Biglietto ridotto  € 4,00 Biglietto giovani under 26 € 3,00 Info: politeamapavia.it In caso di maltempo le proiezioni verranno annullate e recuperate in autunno presso il Cinema Politeama  

Eventi per:  Adulti, Per tutti0-99
 
Museum Day
  Mostra

dal 31/03/2017  al 30/06/2017
 

In occasione del Decimo anniversario di attività del Museo della Tecnica Elettrica, viene inaugurata la mostra "Arte Corrente: le Parole e le Immagini della Scienza". Al termine delle attività previste, verrà tagliata la torta di compleanno del museo ed offerto un brindisi beneaugurante per il futuro.

Eventi per:  Per tutti0-99
 
"CULT CITY" #inLombardia Pavia Capitale Longobarda, città dei Saperi e dei Sapori

dal 06/04/2017  al 01/01/2018
centro storico
centro storico, Pavia
 

Attraverso il fil-rouge di Pavia, capitale dei Longobardi, la città sarà sotto i riflettori per un intero anno di appuntamenti destinati a valorizzare, promuovere e migliorare il territorio nell'anno del Turismo Lombardo. Pavia Capitale Longobarda, città dei Saperi e dei Sapori (presentata dal Comune di Pavia attraverso i settori Cultura e Turismo e Servizi al Cittadino e all'Impresa) prevede l'alternanza di eventi estemporanei, come mostre, rassegne e iniziative culturali di diverso genere, con interventi strutturali e duraturi di valorizzazione e riqualificazione urbana. Che cosa è Cult City? Undici capitali d'Arte da scoprire e collezionare, una dopo l'altra. I capolavori da non perdere, le esperienze a filo d'acqua, i percorsi a ritmo lento, i luoghi dove l'orizzonte è sempre più lungo, i tesori Patrimonio Unesco, i grandi eventi e molto altro, è questo "Cult City #inLombardia". Nell'Anno del Turismo, Regione Lombardia, Explora, Dmo di Regione Lombardia, e il Comune di Pavia, in collaborazione con Unioncamere Lombardia lanciano "Cult City #inLombardia" progetto che vede le città di Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Lodi, Mantova, Monza, Varese, Sondrio coinvolte in un piano strategico di promozione turistica unitario, innovativo e senza precedenti. Il progetto di Pavia Capitale Longobarda, città dei Saperi e dei Sapori porta come suo testimonial d'eccezione il celebre cantautore Max Pezzali, che racconterà con una serie di video i luoghi a lui cari della città. Tra gli investimenti strutturali, previsti nel progetto, rientrano la valorizzazione delle cripte longobarde, con i lavori di riqualificazione di S. Eusebio e di piazza Leonardo da Vinci, la ristrutturazione degli spazi di accoglienza (biglietteria) ed espositivi (sala VI) del Castello Visconteo, con il nuovo allestimento della Sala del Rivellino, la promozione e valorizzazione dei tourist point standard e l'attivazione di tourist point diffusi, il rafforzamento del sistema wi-fi cittadino, il potenziamento di piattaforme e applicazioni sugli eventi e luoghi della città, nonché la riqualificazione di luoghi cittadini della socialità attraverso la produzione e installazione di sedute Green Carpet (progetto di arredo urbano vincitore del concorso Urban Design Fest 2015). Un turbine di eventi coinvolgerà la città da aprile a dicembre e, mantenendo come comun denominatore il tema dei Longobardi, le attività si svilupperanno seguendo tre grandi canali: appuntamenti legati alla cultura, alle famiglie e ai bambini e all'enogastronomia. Si comincerà con la rassegna, in programma dal 26 al 29 maggio, dal titolo PASSATOFUTURO. La Pavia del sapere e i Longobardi, che prevede conferenze, laboratori didattici, visite guidate, installazioni floreali, incontri culinari di promozione dei prodotti del territorio e concerti, dislocati in diversi punti della città. A chiudere la rassegna, il 30 maggio, in occasione della Cult City Open Night, sarà il concerto organizzato al Teatro Fraschini per i 150 anni dell'Istituto Superiore di Studi Musicali Franco Vittadini, con i musicisti dell'orchestra, del coro e i solisti delll'ISSM Vittadini che, diretti dal Maestro Andrea Dindo, eseguiranno arie e sinfonie di Mozart. Tra le attività collaterali alla rassegna, sarà l'inaugurazione, negli spazi di Palazzo Bottigella Gandini, della mostra "Todo es nada", con opere e installazioni di Paul Renner e il concerto d'organo con cena a tema, il concerto jazz, presso il Palazzo Negri della Torre, "Extemporary vision ensamble" organizzato dalla Compagnia della corte in collaborazione con il FAI e il convegno "Palazzo Botta: una giornata tra scienza e storia a Pavia". Gli appuntamenti proseguono, a giugno, con il ciclo di Letture in Basilica, un calendario di sei incontri su "Le parole dell'anima", dove personalità di spicco della cultura commenteranno passi di libri sapienziali nelle Basiliche della città, e culmineranno il 26 agosto con l'inaugurazione della mostra Longobardi. Un popolo che cambia la storia, un grande progetto espositivo riguardante la civiltà longobarda. L'iniziativa, in programma al Castello Visconteo dal 26 agosto al 3 dicembre, proseguirà fino al 25 marzo 2018 al MAN di Napoli, e si concluderà al Museo Ermitage di San Pietroburgo, dove sarà allestita sino al 24 giugno 2018. Un pool dei massimi esperti scientifici in materia, 300 opere esposte, il coinvolgimento del territorio nazionale per una mostra che offre un rinnovato sguardo sulla civiltà longobarda. Frutto di una "coproduzione" tra Pavia, la capitale del Regno, e Napoli, città bizantina ma punto di riferimento (economico e culturale) del ducato di Benevento, "Longobardi. Un popolo che cambia la storia" riflette sulle relazioni e sulle mediazioni culturali che dominarono quei secoli. La mostra prevede diversi eventi collaterali, tra cui letture commentate sull'Adelchi in collaborazione con l'Università degli Studi di Pavia e la Società Dante Alighieri Comitato di Pavia. Maggiori informazioni cultcity.in-lombardia.it

Eventi per:  Per tutti0-99
 
 
"Mi ricordo, sì, io mi ricordo... "Gruppi fotografici dall'Archivio Chiolini
  Mostra

dal 08/06/2017  al 02/07/2017
 

Spazio Arti contemporanee del Broletto, Piazza della Vittoria (ingresso da Via Paratici 21 e Piazza Cavagneria) Inaugurazione giovedì 8 giugno ore 18.00. Invito Ritratti corali in bianco e nero, militari dopo la liberazione, universitari in posa per un raduno scientifico in un cortile dell'ateneo, medici e infermieri di un reparto dell'ospedale, classi di scuole materne ed elementari, parrocchiani sul sagrato di una chiesa, compagnie di amici al ristorante. I volti catturati dall'obiettivo fotografico di Guglielmo Chiolini sono protagonisti della mostra, organizzata dal Settore Cultura del Comune di Pavia, e curata da Roberta Manara, "Mi ricordo, sì, io mi ricordo..." Gruppi fotografici dall'Archivio Chiolini, che si propone come un viaggio nella memoria attraverso le straordinarie foto – sono una sessantina le immagini esposte – del nostro passato. La mostra, che nel titolo strizza l'occhio al celebre docufilm su Marcello Mastroianni, in cui l'attore ormai anziano parla di memoria, di vecchiaia, di amore e interrogativi esistenziali, nasce come risultato finale di un progetto realizzato dai Musei Civici in collaborazione con La Provincia Pavese. Per quattro mesi, a cominciare da febbraio, con cadenza settimanale La Provincia Pavese ha pubblicato una pagina con alcune fotografie provenienti dall’Archivio Chiolini – acquistato dal Comune di Pavia nel 2009, grazie al Contributo di Fondazione Cariplo e Unione Industriali, consistente in oltre 880mila fototipi e conservato presso il Castello Visconteo –. Non immagini qualsiasi, ma foto di gruppi recuperate dalle circa 1600 lastre in vetro racchiuse in scatole sulle quali Chiolini e i suoi collaboratori avevano abbozzato a pennarello un semplice appunto “Gruppo/i”. Sono fotografie non ancora catalogate, perché orfane di identità: mancano la descrizione del luogo in cui sono state scattate, i nomi delle persone ritratte, la circostanza, l’epoca, una miniera di informazioni da disseppellire. Proponendole settimanalmente sul quotidiano locale, e anche on line, La Provincia Pavese ha chiesto così ai lettori di collaborare, in un affascinante viaggio di scavo archeologico nella memoria collettiva, per provare a ridare colore a un’immagine sbiadita dal tempo, aggiungere i tasselli mancanti e dare un nome a un volto in mezzo a tanti, identificare un luogo, l’insegna di un negozio, la sala gremita di un ristorante, il cortile di un oratorio, l’aula di una scuola, ricostruire un evento collettivo o una data ormai sbiadita. A tutti coloro che hanno collaborato nel riconoscimento va il ringraziamento della comunità pavese. Grazie a questo progetto, molte di quelle immagini esposte ora in mostra hanno finalmente un’identità, e i piccoli dettagli sono stati utili per ricostruire una situazione, una data, un nome, un luogo, tasselli di questo mosaico corale della storia pavese del Novecento. Dentro ogni scatto c’è una storia, perché Chiolini non era solo un maestro della fotografia, era anche un grande osservatore della vita e della società. Con il suo lavoro ha costruito negli anni il poderoso affresco di un’epoca fatto di volti, luoghi, ambienti e avvenimenti. Si tratta – spiega Susanna Zatti, direttrice dei Musei Civici – di una fonte importantissima di documentazione relativa a molti aspetti della storia italiana del XX secolo, e per Pavia, poi, è il deposito delle memorie collettive di un’intera comunità che in quegli scatti ritrova i monumenti, le vedute, i personaggi pubblici e, soprattutto, tanta gente comune che ha posato davanti alla sua macchina fotografica per lasciare traccia di sé. La mostra prosegue fino al 2 luglio 2017. Orari: giovedì e venerdì ore 16-19, sabato e domenica 10.30-12.30 - 16-19 Ingresso libero

Eventi per:  Per tutti0-99
 
Pavia d'estate 2017

dal 11/06/2017  al 11/09/2017
centro storico
centro storico, Pavia
 

Musica, cinema, teatro, letteratura, festival e rassegne, i mesi estivi a Pavia si preannunciano ricchi di eventi.  Come un grande contenitore, Pavia d’Estate 2017 presenta un interessante programma di iniziative culturali e di intrattenimento, per accompagnare l’estate dei cittadini pavesi e di quanti visiteranno la nostra bella città. Gli appuntamenti in cartellone, da giugno e fino a settembre, alternano momenti e personaggi legati al territorio a interessanti esperienze di ampio respiro internazionale, per gettare un occhio al di fuori, senza dimenticare le radici e le bellezze artistiche e culturali locali.  L’obiettivo è coinvolgere il pubblico, invitandolo a vivere la città in tutti i suoi spazi, piazze e cortili.  Il calendario delle iniziative di Pavia d’Estate 2017 si apre con gli eventi dedicati alla musica. Nella splendida Piazza Leonardo da Vinci si terrà la prima edizione del Vittadini Jazz Festival, in programma da domenica 11 a domenica 18 giugno, un’importante occasione di collaborazione e di unione tra alcune scuole di jazz italiane, con docenti di prestigio che presenteranno un programma musicale ad hoc per questo appuntamento. Si prosegue con la Festa Europea della Musica, mercoledì 21 giugno, e Notti Acustiche 2017, l’evento che diffonde musica per tutto il centro storico, e che alla sua quarta edizione si annuncia come una manifestazione consolidata.  Il Castello Visconteo sarà protagonista per un mese intero, dal 23 giugno e fino al 23 luglio: nel cortile andrà in scena Estate in Castello (23 giugno-16 luglio), la rassegna che alterna musica e teatro, con ospiti d’eccezione della scena nazionale e internazionale; nel fossato sarà invece Estate al Fossato, e si alterneranno due differenti Festival musicali, Molecole Festival (dal 5 all’ 8 luglio) e Bubbles Fest (dal 20 al 23 luglio); oltre al consueto appuntamento con PaviaBierFest 2017. La musica arriverà anche sull’altra sponda del Ticino, grazie a Pavia Serie A e ai concerti in programma il week end del 23 giugno, in Borgo Ticino. E proseguirà in luglio in Piazza del Carmine, con la rassegna Luglio in Carmine, che si apre il 1 luglio con la Corale Verdi, propone l'8 luglio il concerto di Roberto Durkovic, che mescola i colori della musica balcanica con i ritmi del flamenco, della melodia tzigana e del jazz, e il 14 luglio i Fio' dla nebia, la band pavese che da un quarto di secolo canta Pavia e la sua gente in dialetto; mentre il festival Africando, giunto alla sua XII edizione, avrà luogo all’Arsenale.   Per la serata del 15 agosto, è previsto il Gran Ballo di Ferragosto, dove a fare da protagonista saranno il liscio e la musica popolare. Gli appuntamenti musicali si chiuderanno in Piazza della Vittoria, dove dall’ultima settimana di luglio e fino a settembre si alterneranno band e musicisti, proponendo un concerto a settimana. Tra gli ospiti ci saranno il celebre gruppo degli Skiantos (giovedì 27 luglio), I Monaci del surf (sabato 19 agosto), Andrea Chimenti, che interpreterà David Bowie (sabato 26 agosto), e il duo Nando & Maila in “Sconcerto d’amore”, un concerto-spettacolo con acrobazie aeree, giocolerie musicali e prodezze sonore (domenica 27 agosto). Sabato 2 settembre, per il concerto organizzato da A.V.I.S. saranno protagonisti i gruppi Mind the gap e The Band. Anche i diversi quartieri della città proporranno musica e intrattenimento nei mesi estivi, con gli Eventi di Quartiere: domenica 11 giugno sarà protagonista la Festa dei Navigli; domenica 25 giugno toccherà alla Festa di San Pietro; il 2 luglio chiuderà il calendario la Merendona del Sorriso, in via dei Mille, che ha come obiettivo quello di organizzare eventi a scopo benefico in favore del Reparto di Chirugia Pediatrica del Policlinico San Matteo di Pavia, in collaborazione con l’organizzazione umanitaria denominata “Soleterre”. L’evento prevede per i bambini una mini pompieropoli in collaborazione con il Vigli del Fuoco di Pavia, i clown dottori che operano nel reparto di Chirurgia Pediatrica, lo spazio merenda, i laboratori creatici di disegno e fumettistica e alcune scuole di arti marziali oltre alla presenza degli operatori della Croce Verde Pavese con il mezzo per insegnare le tecniche di disostruzione pediatrica. Innumerevoli saranno inoltre le attività promosse dalle APS locali.  Il cinema è rappresentato dalla rassegna Cinema sotto le stelle, protagonista dal 17 giugno fino al 7 settembre nel Chiostro dell’Istituto Vittadini e curata da Roberto Figazzolo. Il titolo della rassegna, Wichtig ist... / l'importante è..., prende spunto da due ambiti apparentemente molto differenti e di fatto non così lontani tra di loro. Il primo è una frase attribuita a Albert Einstein, "L'importante è che non si finisce mai di chiedere"; il secondo è quello più strettamente poetico, ed è tratto da un'opera di François Villon che sottolinea come l’importante sia non innamorarsi prima che “la luna con il suo volto di bacio non si sia spinta dalla finestra”. Mentre la prima frase ci spinge a conoscere, e a non stancarci mai di farlo, la seconda ci chiede di innamorarci, ancora e sempre se vogliamo che valga la pena di vivere. Ma sarà solo la luna ad insegnarci quando. E quale miglior viatico per una rassegna estiva all'aperto, proprio sotto la luna, che ci spinge a conoscere, a vedere e ad innamorarci ancora non dimenticando mai Was Wichtig Ist. Che cos'è che conta davvero. Teatro e letteratura sono invece protagonisti degli eventi organizzati dalla Biblioteca Bonetta, che intrattiene il pubblico con un interessante calendario di iniziative, tra cui letture sceniche, monologhi, spettacoli teatrali e di danza. Tra gli eventi, organizzati dal Gruppo Utenti Lettori Biblioteca, sono da ricordare (sabato 24 giugno ore 21) "Ode al cane e altre letture dedicate al migliore amico dell'uomo", letture a cura del Gruppo Utenti Lettori Biblioteca di brani di Jack London, Charles Baudelaire, Virginia Woolf e Pablo Neruda (durata 30 minuti circa), con la partecipazione della Lega Nazionale per la Difesa del Cane Sezione di Pavia - Rifugio di Travacò. Sabato 9 settembre dalle ore 21 si terrà invece una serata omaggio alla teatro-canzone di Giorgio Gaber ed Enzo Jannacci.  Tra gli eventi in calendario, non si possono dimenticare l’ormai storico Palio del Ticino, giunto alla sua undicesima edizione, in programma per sabato 10 e domenica 11 giugno, la seconda edizione dello St.art Pavia Fest, il festival dedicato all’arte di strada ed alla riqualificazione urbana, protagonista da giovedì 8 a domenica 11 giugno, la Notte dei saldi il 1 luglio, e il gran finale a settembre con la Festa del Ticino, la Notte bianca, il Gran Mercato delle bancarelle e i fuochi d’artificio, in programma da venerdì 8 a domenica 10 settembre. Fuori programma, sarà inoltre l’inaugurazione della mostra Longobardi. Un popolo che cambia la storia, in programma da venerdì 1 settembre presso il Castello Visconteo. 

Eventi per:  Per tutti0-99
 
Mostra "Il giardino è aperto"
  Mostra

dal 17/06/2017  al 16/07/2017
 

Sabato 17 giugno, nell'ambito delle iniziative che l'Orto Botanico dedica al "Solstizio d'estate", alle ore 16 sarà presentato il libro d'artista "Il giardino è aperto", 50° edizione dei Cento amici del Libro, nato nel 2015 dall'incontro tra l'artista Alessandra Angelini e lo scrittore e storico dei giardini Paolo Cottini. Il libro, e le tecniche di incisione che sono state utilizzate per la sua realizzazione, diventano i protagonisti della mostra omonima "Il giardino è aperto", allestita presso la Biblioteca dell'Orto Botanico, IL GIARDINO E' APERTO Presentazione del libro di Alessandra Angelini e inaugurazione della mostra orari mostra: lun-ven 9:00-17:00 ven 9:00-12:00 fino al 16 luglio Il libro racconta, attraverso la perfetta unione di opere grafiche originali e testi inediti, il giardino di Vico Morcote sul lago di Lugano che l'ex diplomatico inglese (forse anche agente segreto) Sir Peter Smithers progettò, costruì e curò negli ultimi vent'anni della sua lunga e vivace esistenza. Dalla scelta del formato alla preziosità della carta, dal particolare ritmo anche visivo dato al testo di Paolo Cottini al grande equilibrio compositivo tra interventi artistici e costruzione tipografica, ogni dettaglio del libro rivela un'intima corrispondenza con la vita straordinaria di Peter Smithers e del suo giardino. Per la creazione delle opere contenute nel libro, Alessandra Angelini ha scelto l'incisione di matrici fotopolimeriche e le xilografie a secco: tecniche e linguaggi grafici capaci di esprimere il personaggio di Sir Smithers e il suo stretto legame con il giardino, inteso come luogo naturale e metafora della vita, che l'artista ha saputo sapientemente interpretare attraverso il suo operato: l'artista infatti ha pensato e costruito il libro come un'architettura-giardino da esplorare in tutte le sue forme. L'incisione di matrici fotopolimeriche, grazie ai suoi aspetti tecnologici e al contempo profondamente creativi, ha permesso di trasformare in segno grafico le fotografie e i disegni realizzati en plein air, unendo immagine fotografica e disegno in un processo di ibridazione estremamente coinvolgente. Le xilografie a secco, pensate come memoria della componente materica della natura, accompagnano tutte le pagine del libro, dando ritmo alle immagini e agli scritti. Il colore bianco e verde delle pagine e dei testi si illumina di passaggi talvolta lievemente iridescenti. Alessandra Angelini, a seguito di un'attenta analisi dei testi di Cottini – che ha avuto l'occasione di frequentare Sir Peter Smithers e il suo giardino – e di numerose visite compiute in prima persona al giardino di Morcote, in diversi periodi dell'anno, durante la preparazione del libro ha realizzato una ampia serie di opere grafiche, disegni preparatori a inchiostro di china, fotografie ed elaborazioni al computer rappresentative delle fasi preparatorie ed esecutive, esplicativi del percorso creativo del libro, esposti in mostra accanto ad un esemplare del libro stesso. La scelta del formato del libro, stampato al torchio da Daniela Lorenzi – A14, Milano, e legato a mano da CBdA di Cristina Balbiano d'Aramengo, corrisponde al rapporto aureo tra i lati ed è un omaggio alla lezione etica ed estetica che Sir Smithers ha trasmesso: Armonia e Bellezza, come le piante e i fiori, sono in grado di trasformare la quotidianità nel giardino aperto dei nostri sogni. Ad accompagnare il libro d'artista è stata editata una plaquette bilingue italiano/inglese con testi di Alessandra Angelini, Francesca Porreca, Laura Tirelli, Patrizia Caccia, Cecilia Angeletti e il testo di Paolo Cottini con la traduzione inglese di Amelia Smithers, figlia del fondatore del giardino di Vico Morcote. Durante il periodo di apertura della mostra, Alessandra Angelini organizzerà un workshop di incisione e stampa a mano all'interno dell'Orto botanico. Per informazioni scrivete a bst@unipv.it Vedi il programma della giornata 

Eventi per:  Per tutti0-99
 
 
DAL FAI IL PATROCINIO ALLA MOSTRA LONGOBARDI A PAVIA
  Mostra

dal 20/06/2017  al 01/09/2017
 

Il FAI - Fondo Ambiente Italiano ha concesso il Patrocinio Nazionale alla mostra "Longobardi. Un popolo che cambia la storia" che si terrà a Pavia dal prossimo 1 settembre al Castello Visconteo, organizzata dal Comune di Pavia e dai Musei Civici. È la più importante mostra mai realizzata sui Longobardi, per completezza e quantità di reperti e testimonianze, un grande evento internazionale che, dopo Pavia, si sposterà al MANN di Napoli dal 15 dicembre e ad aprile 2018 al Museo Ermitage di San Pietroburgo. Il FAI ha deciso di concedere il patrocinio in virtù dell'indubbio valore culturale dell'iniziativa, che mette in risalto un periodo storico e una serie di reperti e di siti, tra cui il Monastero di Torba, bene FAI che compare nel sito seriale dell'Unesco dedicato ai Longobardi in Italia. Non accade spesso che il FAI conceda il patrocinio nazionale e ciò sottolinea l'importanza della mostra e conferisce un ulteriore riconoscimento della sua valenza culturale. Il FAI è intervenuto anche ad arricchire l'allestimento della mostra con un contributo scientifico di alto livello: si tratta di un'indagine geologica condotta a Pavia nel sottosuolo dell'area detta "Il Giardino del Re", situata in via Luigi Porta e di proprietà della Fondazione Nascimbene, voluta e finanziata nel 2015 dalla Delegazione FAI di Pavia allora in carica. L'indagine ha scandagliato per mezzo del georadar il sottosuolo di questa area reputata dalla storiografia locale come la sede del Palazzo Regio fondato da Teodorico, utilizzato poi dai re longobardi, dai re franchi e dai re italici. Sono emerse sopravvivenze murarie che potrebbero appartenere a questo complesso edilizio utilizzato come sede regale per oltre mezzo millenio. Tra FAI e Comune di Pavia e Musei Civici verrà sottoscritta una convenzione che garantirà a tutti gli iscritti FAI la riduzione del costo del biglietto di ingresso alla mostra a 8 euro invece che a 12.

Eventi per:  Per tutti0-99
 
Punti Critici in Concerto
  Musica

28/06/2017
28/06/2017
19:30 - 23:30
Viale Bligny 83
Viale Bligny 83, Pavia
 

Punti Critici è un gruppo che nasce formalmente il giorno del loro primo concerto tenutosi a Spazio Musica, locale storico di Pavia, il 30 Settembre 2015. Martino, di passaggio a Pavia, aveva chiesto di poter fare una serata sperimentale da solo, con l'arpa, ma sembrava difficile trovare il modo di abbinare la sua performance a qualcos'altro. Dopo la ricerca dei componenti che potessero formare una band sperimentale, il gruppo si è formato.  All'inizio la partitura era molto sommaria, con poche istruzioni ma un'idea in testa di come dovrebbe suonare. Poi col tempo la partitura diventa più complessa. Il gruppo prova tre volte e suona il primo live: esplosivo ed estenuante. A Martino piace e decide di continuare. Da allora hanno fatto altre due date, una delle quali con lo scopo di raccogliere fondi per i rifugiati Kurdi. Poi la decisione di registrare un disco, elementare, il più vicino possibile al primo live che porta lo stesso nome della band.  Successivamente sono appordati a Umbria Jazz, avendo ricevuto il settimo premio del Conad Jazz Contest.    Due note parole sul disco: reigstrato a Cava Manara presso PFL Studios, autoprodotto e distribuito da TuneCore, può essere ascoltato su Spotify o comprato su Itunes.  I sei brani risultano da un canovaccio per arpa, chitarra elettrica, batteria e sassofono. Non ci sono parole, solo istruzioni e qualche nota. La forma invece prende spunto dalle tragedie greche nel modo in cui gli strumenti dialogano fra loro: brevi scambi di battute solistiche e duetti si alternano a momenti corali. Il linguaggio musicale è certo formato da idiomi provenienti da generi diversi, ma è per lo più derivato dallo stile personale dei musicisti.   Prologo scambi di battute, free jazz Rituale una scala di re con il secondo e il sesto grado abbassati, che si spezzetta in frammenti di soli fino a prendere forma di danza costruita su una sequenza di numeri Il Tempio  un lamento noise dedicato al Palmyra Solo il caso Coro polifonia ritmica Finale come l'Intro Ingresso riservato ai soci ARCI  

Eventi per:  Per tutti0-99
 
 
Vuoi segnalarci un evento?Iscriviti a VIVIPAVIA ComeDoveQuando