Mostre

 
Visualizza come: GrigliaCalendarioMappa
 
AFRICA TRA IMMAGINARIO E REALTÀ . La "Scoperta" del Regno del Benin
  Mostra

La "Scoperta" del Regno del Benin"

dal 12/12/2017  al 24/02/2018
Via Giulotto 12
Via Giulotto 12, PAVIA
 

Presso la Residenza Universitaria Biomedica del Collegio Universitario S. Caterina di Pavia un'esposizione dedicata all'Africa degli antichi regni dell'area sud nigeriana che sorpresero i viaggiatori europei nel XV secolo sia per la loro esistenza che per il loro livello di civiltà e vuole evidenziare la grande importanza storica e culturale degli antichi regni Ife e Benin. La mostra, che ha carattere didattico divulgativo e che vuole essere uno stimolo per una più approfondita conoscenza dell'Africa antica, vede esposte 90 opere suddivise in differenti sezioni introdotte da pannelli illustrativi: le esplorazioni della costa occidentale africana e le descrizioni degli Europei, il Regno del Benin e l'arte Ife e Benin, l'evoluzione del regno, la tratta degli schiavi e la colonizzazione. Sono esposti libri, incisioni, carte geografiche e documenti dal XVI al XIX secolo e una serie di bronzi e avori africani del XIX secolo. L'esposizione, curata dal dott. Franco Pavesi e allestita dallo staff della Residenza Universitaria Biomedica con la collaborazione di volontari ed ex allieve del Collegio Universitario S. Caterina da Siena, sarà aperta a INGRESSO GRATUITO fino al 24 febbraio 2018 con i seguenti orari: Lunedì-Venerdì h 14-18.30, Sabato h 10-12. Visite guidate su richiesta e festivi su prenotazione Curata dal dott. Franco Pavesi e allestita dallo staff della Residenza Universitaria Biomedica con la collaborazione di volontari ed ex allieve del Collegio Universitario S. Caterina da Siena

Eventi per:  Per tutti0-99
 
FUTURISMI
  Mostra

Dalla Avanguardia Storica, al Nuovo Futurismo, al Postmoderno"

dal 08/02/2018  al 26/02/2018
 

Mostra a cura di Edoardo Di Mauro e Leonardo Gallina. La mostra è articolata in tre sezioni. La prima comprende dipinti di alcuni esponenti del Futurismo Storico tra cui i pavesi: Gino Soggetti, Angelo Rognoni e Pino Masnata. Nella seconda sezione alcuni esponenti del Nuovo Futurismo espongono le loro opere. Il movimento, creatosi a Milano negli anni '80, è stato storicizzato dal critico e storico dell'arte Renato Barilli. Infine una terza sezione con lavori di artisti contemporanei, tra cui due opere di Padre Costantino Ruggeri, per sottolineare come il Futurismo a oltre cento anni dalla pubblicazione del Manifesto a Parigi, sia ancora attuale nell'arte contemporanea L'evento è patrocinato dall'Università di Pavia, dal Comune di Pavia e dalla Fondazione Frate Sole

Eventi per:  Per tutti0-99
 
 
La Battaglia di Pavia. Presentazione della sezione permanente

24/02/2018
24/02/2018
17:00 - 19:00
 

Sabato 24 febbraio 2018, ore 17.00, Castello Visconteo di Pavia. Intervengono Mino Milani e Luigi Casali. Prosegue all'interno dei Musei Civici di Pavia l'attività di riorganizzazione delle collezioni, che lo scorso anno ha visto il trasferimento e l'ordinamento delle raccolte relative all'800 al secondo piano sottotetto, che sarà ultimata tra poco con l'apertura dello Spazio 9/00, dedicato alle opere tra '900 e 2000. Nella sala che ospitava la Quadreria dell'Ottocento è stato creato uno spazio di documentazione permanente sulla Battaglia di Pavia, che nel 1525 ha visto affrontarsi gli eserciti francese e spagnolo sul palcoscenico del Parco e del Castello Visconteo. L'evento è stato al centro di una mostra innovativa, multimediale e immersiva organizzata nel 2015 proprio a Pavia, che ha preso spunto dal grandioso ciclo d'arazzi fiamminghi, realizzato a pochissimi anni di distanza dall'avvenimento e conservato presso il Museo di Capodimonte a Napoli. Nel nuovo allestimento, le ricostruzioni virtuali e suggestive saranno al centro della scena, per dare l'impressione di trovarsi in mezzo alla battaglia, immersi nei suoni e nei rumori, potendo scoprire dettagli, curiosità, protagonisti dello scontro che ha cambiato la geografia politica dell'Europa, consegnando di fatto la Lombardia, e quindi l'Italia, alla Spagna. Accanto alla proiezione, alcuni dipinti e antiche stampe tratte dalle collezioni dei Musei Civici raffigurano le fasi della battaglia e il terreno degli scontri, ma anche lo svolgimento degli eventi e il volto di uno dei protagonisti, quel Francesco I re di Francia che fu fatto prigioniero in seguito alla vittoria degli spagnoli. Agli approfondimenti è dedicato uno schermo tattile, grazie al quale si possono conoscere i dettagli riguardanti le personalità coinvolte nella Battaglia, ma anche gli ingredienti della zuppa alla pavese e le storie che circondano questa vicenda cruciale. Ad inaugurare la nuova sezione interverranno Mino Milani e Luigi Casali, proprio nel giorno dell'anniversario della Battaglia di Pavia, avvenuta il 24 febbraio 1525.

Eventi per:  Per tutti0-99