Mostre

 
Visualizza come: GrigliaCalendarioMappa
 
Regine e Re longobardi
  Mostra

dal 14/09/2017  al 28/10/2017
 

La mostra nasce dall'intenzione della Biblioteca Universitaria di dare il proprio contributo alle manifestazioni dedicate ai Longobardi che animeranno l'autunno pavese. Si tratta un'esposizione realizzata prevalentemente con i materiali della Biblioteca, quindi manoscritti, libri, stampe e disegni. Potrebbe avere un sottotitolo: la fortuna critica dei sovrani longobardi, con particolare attenzione all'ambito pavese. A partire dall'Historia langobardorum di Paolo Diacono, di cui è esposta la copia in facsimile del manoscritto di Cividale XXVIII, appena realizzata e generosamente donata dall'Editore CAPSA Ars Scriptoria alla Biblioteca, storia e leggenda continuamente s'intrecciano. Regine e Re longobardi sono stati oggetto di opere letterarie, che vanno dal Bertoldo di Giulio Cesare Croce all'Adelchi di Alessandro Manzoni, ma hanno ispirato anche artisti in campo figurativo, così la Biblioteca espone le incisioni commissionate nel Seicento da Ottavio Ballada, le litografie a colori e oro realizzate da Franco Fraschini nel Novecento e infine, dei nostri giorni, le tavole originali di Marco Giusfredi, raccolte nel libro Tribolamenti longobardi che verrà presentato proprio in occasione dell'apertura della Mostra. Un doppio appuntamento, il 14 settembre alle ore 17, con l'inaugurazione della Mostra e la presentazione del libro, cui interverranno Luisa Erba, Gianfranca Lavezzi e Paolo Mazzarello. La mostra sarà visitabile dal 14 settembre al 28 ottobre. Orari: da lunedì a venerdi: 8.30-18.30 sabato: 8.30-13.30

Eventi per:  Per tutti0-99
 
Maria Teresa d'Austria
  Mostra

dal 30/09/2017  al 03/12/2017
 

Pavia, 30 settembre-2 dicembre 2017 Sistema Museale di Ateneo- Museo per la Storia dell'Università, Strada nuova 65 Il Sistema Museale dell'Università di Pavia celebra il terzo centenario della nascita di Maria Teresa d'Austria, sovrana illuminata, verso la quale sente un 'debito di riconoscenza' per gli interventi di riforma che avviarono un'eccezionale stagione scientifica e culturale. Nelle sale del Museo per la storia, situato nelle antiche sale del settecentesco gabinetto di Anatomia di teresiana fondazione, non sarà rievocata solo la figura della sovrana illuminata; i visitatori potranno compiere un viaggio sulle tracce dell'antica tradizione dell'ateneo pavese, seguendo il lungo cammino dalla fondazione, in epoca tardo medioevale, alla sua configurazione di 'moderno' centro di studi e ricerche tra Sette e Ottocento. Le vicende pavesi si intrecceranno a momenti della storia del pensiero, quali la rivoluzione scientifica e l'illuminismo.   La mostra nasce dalla collaborazione fra tre musei universitari le cui collezioni hanno un nucleo originario risalente al periodo teresiano: il Museo di Storia Naturale, l'Orto Botanico e il Museo per la storia dell'Università. Il percorso espositivo metterà in contatto i visitatori con la storia dell'ateneo pavese, intrecciata a momenti della storia del pensiero, quali la rivoluzione scientifica e l'illuminismo e culminerà in una sala interamente dedicata alle meraviglie custodite nei gabinetti scientifici del Settecento. In esposizione non solo antichi strumenti e preparati naturali, ma anche splendidi volumi, manoscritti ed erbari, solitamente custoditi negli archivi dei musei o negli scaffali delle biblioteche dell'università. Un patrimonio inestimabile che l'ateneo vuole ancora una volta condividere con la cittadinanza.  Ogni sabato, insieme alla visita guidata della mostra, i visitatori saranno accompagnati in alcuni celebri 'luoghi teresiani' all'interno del palazzo centrale dell'università e all'Orto Botanico di Via Scopoli.  Durante l'inaugurazione, sabato 30 settembre alle ore 16, sarà presentato il volumetto La sovrana delle scienze. Il particolare formato del libro, un leporello di mozartiana memoria, è un ulteriore omaggio alla sovrana, che amava la musica e rimase incantata dal giovane prodigio invitato a suonare alla Hofburg, la residenza degli Asburgo a Vienna.  Apertura della mostra: dal 1 ottobre al 2 dicembre 2017 lunedì e sabato 14-18,30 mercoledì e venerdì 9-13   infomusei@unipv.it  0382986916

Eventi per:  Per tutti0-99
 
 
L'UNIVERSO AD OROLOGERIA
  Mostra

dal 07/10/2017  al 23/12/2017
 

Sabato 7 ottobre alle ore 16.00 presso i Musei Civici del Castello Visconteo di Pavia inaugura la mostra L'UNIVERSO AD OROLOGERIA, l'Astrario di Giovanni Dondi a Pavia. Allestita presso la sezione museale Bibliothec@ di corte la mostra è organizzata dall'associazione Decumano Est in collaborazione con il Comune di Pavia e con il Collegio Castiglioni Brugnatelli, grazie a un contributo di Fondazione Cariplo e di Regione Lombardia. Con la mostra L'UNIVERSO AD OROLOGERIA l'Astrario di Giovanni Dondi rivive nel luogo esatto dove a lungo fu collocato, la biblioteca visconteo-sforzesca del Castello di Pavia. Costruito, probabilmente tra il 1365 e il 1381, dal chioggiotto Giovanni Dondi, professore presso lo Studium pavese, l'Astrario era un complesso orologio planetario, che indicava i giorni e le feste del calendario, le eclissi e le posizioni dei sette pianeti nello zodiaco. L'horologio di maravigliosa fattura era stato costruito per fornire un modello meccanico dell'Universo che potesse dimostrare l'esattezza della teoria tolemaica, ma ebbe anche un uso pratico di tipo astrologico, assai sfruttato da governanti come Filippo Maria Visconti e Ludovico il Moro. Nel 1463, l'astrologo tedesco Giovanni Regiomontano ancora lodava l'orologio ma, per quanto i duchi di Milano si impegnassero a conservarlo, nel corso del tempo l'Astrario si degradò e andò perduto. Fortunatamente sono sopravvissuti alcuni manoscritti che ne descrivono la costruzione e hanno permesso di realizzare, a partire dal Novecento, una serie di ricostruzioni, conservate in musei, luoghi pubblici e collezioni private, ma, finora, non nel luogo ove l'originale era collocato. La mostra esibisce al pubblico la ricostruzione dell'antico strumento realizzata da Guido Dresti fra il 2009 e il 2011, accompagnata da altri strumenti per la misurazione del tempo e del moto dei pianeti "antenati" dell'Astrario, da preziosi codici di astronomia e astrologia provenienti dall'Archivio Civico della Biblioteca Bonetta di Pavia e dalla serie di stampe dei sette pianeti, attribuiti a Baccio Baldini e appartenenti ai Musei Civici di Pavia. Un ricco calendario di appuntamenti consente inoltre di approfondire, l'affascinante figura di Giovanni Dondi, medico, astrologo, astronomo, letterato a tutto tondo del XIV secolo e la temperie culturale e scientifica in cui si colloca la sua eccezionale opera. La mostra sarà visitabile fino al 23 dicembre dal martedì alla domenica dalle ore 10 alle ore 18. Nel mese di dicembre i Musei saranno aperti dalle ore 9 alle ore 13. Il costo del biglietto di ingresso è 4€, gratuito per gli under 26 e gli over 70. I visitatori della mostra LONGOBARDI, UN POPOLO CHE CAMBIA LA STORIA avranno diritto a un biglietto ridotto di 2€ Informazioni: decumanoest@yahoo.it. www.museicivici.pavia.it

Eventi per:  Per tutti0-99
 
ARTE FUORI
  Mostra

dal 11/10/2017  al 19/10/2017
CASA MARABELLI VIALE N. SAURO, 5
CASA MARABELLI VIALE N. SAURO, 5, PAVIA
 

INSTALLAZIONI a opera dei soci Ar.Vi.Ma. Le installazioni rappresentano la fase finale di un percorso di approfondimento sviluppato nell’anno che si è avvalso di un ciclo di Conferenze curate dal critico d’arte  Direttore Artistico della Scuola , Silvia Ferrari Lilienau,  tenutesi in Ar.Vi.Ma ed aventi come tema ARTE PUBBLICA, nel corso delle quali sono state affrontate le declinazioni dell’arte pubblica degli anni Trenta del Novecento ad oggi, tra l’Italia e gli Stati Uniti. Le installazioni, visibili dal 11 al 19 ottobre, traggono spunto dalle conferenze,  che hanno inteso proporre esempi autorevoli di arte pubblica ai quali fare riferimento per il lavoro che, come ogni anno, i soci Ar.Vi.Ma propongono ora al pubblico. Il luogo pubblico deputato ad accogliere le installazioni è la facciata di Casa Marabelli, sede della Civica Scuola d’arte Ar.Vi.Ma., quale momento di raccordo con l’ambiente circostante. Due installazioni, poste all'esterno della sede Ar.Vi.Ma saranno visibili 24 ore su 24.    Inaugurazione Prima Opera:  Mercoledì 11 Ottobre 2017 ore 18,00 Inaugurazione Seconda Opera: Lunedì 16 Ottobre 2017 ore 18,00

Eventi per:  Per tutti0-99
 
CONTEMPORA LANGOBARDORUM
  Mostra

dal 14/10/2017  al 03/12/2017
 

Inaugurazione sabato 14 ottobre, ore 17.45, Castello Visconteo di Pavia, Museo Archeologico. Tra gli eventi collaterali alla mostra Longobardi. Un popolo che cambia la storia uno sguardo anche al contemporaneo, con "Contempora Langobardorum. Verso i Longobardi tra passato e presente" La mostra, realizzata dai Musei Civici del Castello Visconteo in collaborazione con i Volontari del Touring Club Italiano di Pavia, e curata da Chiara Argenteri e Francesca Porreca, intende esplorare il passato con uno sguardo attuale e contemporaneo, indagando su chi siano stati e dove possano trovarsi oggi i Longobardi. L'esposizione sarà inaugurata sabato 14 ottobre (ore 18) nel Museo Archeologico. Gli artisti presenti in mostra si addentrano nel complesso tema del recupero della memoria storica della città di Pavia, divenuta capitale del Regno longobardo in seguito alla migrazione del 'popolo dalle lunghe barbe' proveniente da nord, con un inevitabile parallelismo con l'attuale ondata migratoria da sud. L'incontro-scontro con l'altro, le invasioni barbariche, la stratificazione di saperi e saper fare, il rapporto col diverso attinge dunque tanto dalla storia passata quanto dal nostro mondo globalizzato, teso al multiculturalismo. Il percorso a ritroso verso l'epoca longobarda permette di gettare ponti e stabilire connessioni, ma anche di evidenziare fratture, segni, distanze. La mostra è allestita nelle sale della sezione Archeologica dei Musei Civici, quindi le opere devono convivere e dialogare con l'allestimento e i reperti presenti. Ogni stanza è caratterizzata dalla presenza di opere di pittura, scultura, grafica, fotografia e video, interpretate da due o più artisti, in un serrato confronto generazionale. A ciascuno dunque una sala del museo archeologico, in modo da rendere il percorso verso i Longobardi anche fisico, poiché nella VI sala si possono ammirare i reperti longobardi dei Musei Civici e approfondire il ruolo che questo popolo ha avuto per i cambiamenti apportati in tutti i campi della vita quotidiana, dal cibo alla religione, dal rapporto con la morte alle tecniche militari, dalla lingua fino all'arte e all'architettura. Gli artisti presenti in mostra sono: per la sezione pittura Günter Pusch e Rossana Schiavo, per la sezione fotografia Marcella Milani e Giulia Passolungo, per la sezione grafica e incisione Alessandra Angelini, Claudia De Lucca e Vanessa Fantinati, per la sezione video Roberto Figazzolo e alcuni studenti dell'Istituto Superiore Statale Taramelli-Foscolo di Pavia, per la sezione scultura Silvia Manazza e Aris Marakis. A completare il percorso sono le poesie di Barbarah Guglielmana. La mostra resta aperta dal 15 ottobre al 3 dicembre 2017, da martedì a domenica dalle 10.00 alle 18.00.

Eventi per:  Per tutti0-99
 
 
ROBERT DOISNEAU. Pescatore d'immagini
  Mostra

dal 14/10/2017  al 28/01/2018
 

Al Broletto di Pavia, dal 14 ottobre 2017 al 28 gennaio 2018, 70 scatti ripercorrono la vicenda artistica di uno dei più importanti fotografi del Novecento. Esposte alcune delle sue opere più conosciute, tra cui Il bacio (Le Baiser de l'Hotel de Ville), la sua immagine più famosa e amata. Il Broletto di Pavia si apre alla grande fotografia. Dal 14 ottobre 2017 al 28 gennaio 2018, lo storico palazzo del XII secolo, posto nel cuore della città, ospita una mostra di Robert Doisneau (Gentilly, 14 aprile 1912 - Montrouge, 1 aprile 1994), uno dei fotografi più importanti e celebrati dell'intero Novecento. La rassegna, dal titolo Pescatore d'immagini, curata dall'Atelier Robert Doisneau - Francine Deroudille ed Annette Doisneau - in collaborazione con il Professor Piero Pozzi, prodotta e realizzata da Di Chroma Photography e ViDi - Visit Different, in collaborazione con la Fondazione Teatro Fraschini e il Comune di Pavia – Settore Cultura presenta 70 immagini in bianco e nero che ripercorrono l'universo creativo del fotografo francese. Il percorso espositivo, che mette in mostra alcune delle icone più riconoscibili della sua carriera come Le Baiser de l'Hotel de Ville, Les pains de Picasso, Prevert au gueridon, si apre con l'autoritratto del 1949 e ripercorre i soggetti a lui più cari, conducendo il visitatore in un'emozionante passeggiata nei giardini di Parigi, lungo la Senna, per le strade del centro e della periferia, nei bistrot e nelle gallerie d'arte della capitale francese. Orari Martedì, giovedì, venerdì 10:00-13:00 / 14.00-18:00 Mercoledì 10:00-13:00 / 14.00-22:00 Sabato, domenica e festivi 10:00-19:00 La biglietteria chiude un'ora prima Informazioni robertdoisneaupavia@gmail.com Tel. 3406240727

Eventi per:  Per tutti0-99
 
Gli Sposi e la Casa" corso di disegno "L'URLo

dal 21/10/2017  al 22/10/2017
Piazzale Europa
Piazzale Europa, PAVIA
 

Il corso di disegno "L'URLO" espone nello stand N°95 dove troverete esposti i dipinti della pittrice insegnante ANTONIETTA ORSI insieme alle allieve Lucia Ferraro, Annarita Cotrufo, Elena Bellotti anche con scatti fofografici e il giovane artista Natan Gaviglio di prima superiore. Petete vedere i suoi dipinti nell'atelier dove si svolgono i corsi. Sito: http//orsiantonietta.wixsite.com/corso-l-urlo E' possibile fare una prova gratuita presso l'atelier in Via Basilicata N° 9/B A Pavia. Per info: 347 523 9849 mail: orsi.antonietta@libero.it ATTI CORNICI:con specchiere moderne, passepartou,cornici. Le cornici sono una parte integrante dei dipinti, durante le due giornate di esposizione petrete vedere i vari abbinamenti classici e moderni Li trovate sulla Strada Prov. Vigentina 194/196 Pavia SITO: http//atticornici.wixsite.com/atti PER INFO: 0382 575499, mail: atticornici@gmail.com  

Eventi per:  Per tutti0-99