L'arte del grande cinema a teatro

21/10/2020 - 29/12/2020
Teatro Fraschini
Corso Strada Nuova 136, Pavia
Accessibile
Eventi per: Per tutti0-99
immagine del logo della manifestazione

Info

Rassegna "Cinema ritrovato"
Prezzo ingresso: Da 4 a 8 €

Organizzato da

Fondazione Teatro Fraschini
Telefono: 0382.3711
E-mail: biglietteria@teatrofraschini.org
 
Teatro Fraschini
Corso Strada Nuova 136, Pavia

Quando al Fraschini non si lavora per gli spettacoli, il Teatro si trasforma in Cinema.

In collaborazione con la Cineteca di Bologna, alcune pellicole di recente restauro ritrovano la luce su un nuovo grande schermo per la città di Pavia.

Grazie all'iniziativa Cinema Ritrovato, il grande cinema riprende vita e torna in sala. E non solo.

Info e biglietti su http://bit.ly/cinema_a_teatro – In vendita da giovedì 15, h 11.00, online e presso la biglietteria del teatro.

  • 21 ottobre, 21.00 CARO DIARIO (1993), di Nanni Moretti
    Scritto, diretto e interpretato da Moretti.
    Miglior regia al Festival di Cannes del 1994.
  • 22 ottobre, 19.00 #Fellini100 | LA DOLCE VITA (1960)
    Una retrospettiva per riscoprire il grande regista italiano.
    Marcello Mastroianni, Anita Ekberg e la Fontana di Trevi.
    Palma d'oro al 13º Festival di Cannes.
  • 27 ottobre, 21.00 EASY RIDER (1969), di Dennis Hopper
    L'intramontabile cult-movie con Peter Fonda e Jack Nicholson.
    Un simbolo degli anni sessanta.
  • 28 ottobre, 21.00 #Fellini100 | 8½ (1963)
    Una retrospettiva per riscoprire il grande regista italiano.
    '8½' è una delle migliori pellicole cinematografiche di tutti i tempi, fonte d'ispirazione per generazioni di autori.
  • 2 novembre, 21.00 ACCATTONE, di Pier Paolo Pasolini (1961)
    Per la ricorrenza della scomparsa (Pasolini morì il 2 novembre 1975), torna in sala l'esordio alla regia dell'eclettico autore bolognese.
    L'opera è stata selezionata tra i 100 film italiani da salvare.
    Sarà anche proiettato il cortometraggio Omelia contadina, di Alice Rohrwacher e JR, presentato a #Venezia77.
  • 3 novembre, 21.00 #Fellini100 | AMARCORD (1973)
    Una retrospettiva per riscoprire il grande regista italiano.
    Tra i film più noti dell'autore riminese, tanto da rendere "Amarcord" un neologismo della lingua italiana.
  • 5 novembre, 21.00 THE ELEPHANT MAN (1980), di David Lynch
    Il film che ha consacrato il regista di Missoula.
    Nuovo restauro – supervisionato da Lynch stesso – per il 40° anniversario dell'uscita.
  • 6 novembre, 21.00 IL SETTIMO SIGILLO (1957), di Ingmar Bergman
    Premio speciale della Giuria al 10º Festival di Cannes.
    Uno dei capolavori della storia del cinema, realizzato dal grande cineasta svedese.
  • 7 novembre, 19.00 #Fellini100 | LA DOLCE VITA (1960)
    Una retrospettiva per riscoprire il grande regista italiano.
    Marcello Mastroianni, Anita Ekberg e la Fontana di Trevi.
    Palma d'oro al 13º Festival di Cannes.
  • 15 novembre, 16.00 IL GRUFFALÒ (2009) e GRUFFALÒ E LA SUA PICCOLINA (2011)
    Due mediometraggi di animazione dai toni delicati.
    Creatura ibrida, metà orso e metà bufalo, il Gruffalò è il protagonista di un celebre libro per bambini uscito alla fine degli anni novanta.
  • 29 novembre, 21.00 L'APPARTAMENTO (1960), di Billy Wilder
    Una delle migliori comedy-drama della storia della settima arte.
    Vincitore di cinque Premi Oscar, il film è stato scelto per la conservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.
  • 11 dicembre, 21.00 VERTIGO - LA DONNA CHE VISSE DUE VOLTE (1958), di Alfred Hitchcock
    Un'opera che non ha bisogno di presentazioni.
    Nel 2012 la prestigiosa rivista britannica Sight and Sound ha posizionato il film di Hitchcock al primo posto della classifica dei migliori film di sempre.
  • 27 dicembre, 21.00 Nouvelle Vague | HIROSHIMA MON AMOUR (1959), di Alain Resnais
    Il primo film del grande regista bretone.
    Una delle opere manifesto della Nouvelle Vague, tra i film francesi più celebri in assoluto.
  • 28 dicembre, 21.00 Nouvelle Vague | JULES E JIM (1962), di François Truffaut
    Un'opera senza tempo del maestro parigino.
    «Il film è un inno alla vita e alla morte, una dimostrazione dell'impossibilità di qualunque combinazione amorosa al di fuori della coppia».
  • 29 dicembre, 21.00 Nouvelle Vague | IL DISPREZZO (1963), di Jean-Luc Godard
    «Il cinema, diceva André Bazin, sostituisce al nostro sguardo un mondo che si accorda ai nostri desideri. 'Il disprezzo' è la storia di questo mondo». Adattamento dell'omonimo romanzo di Moravia. Uno dei capolavori del regista volto della Nouvelle Vague.
Approfondimenti