Bodo Ebhardt in LombardiaLe trasformazioni dei castelli lombardi fra inizi Novecento e contemporaneità

25/09/2021  09:30 -  16:00

25/09/2021

Castello Visconteo
Piazza Castello, Pavia
Accessibile
Eventi per: Per tutti0-99
testo descrittivo su sfondo colorato e particolare del castello

Organizzato da

Comune di Pavia - Assessorato alla Cultura
Telefono: 0382 399343
E-mail: cultura@comune.pv.it
 
Castello Visconteo
Piazza Castello, Pavia

Castello Visconteo, Sala conferenze, ore 9,30 - 12,30 – Convegno dell'Istituto Italiano dei Castelli

Bodo Ebhardt in Lombardia. Le trasformazioni dei castelli lombardi fra inizi Novecento e contemporaneità

Convegno organizzato dall'Istituto Italiano dei Castelli in presenza (su prenotazione) sull'architetto tedesco Bodo Ebhardt (Brema 1865 - Marksburg, Braubach am Rhein, 1945), uno dei più importanti studiosi di architettura fortificata europea e autore di numerosi restauri di castelli.

ore 15,00 - Visita guidata su prenotazione del Castello di Pavia

Il Castello Visconteo venne costruito in pochissimi anni a partire dal 1360 da Galeazzo II, il quale – conquistata nel 1359 la città di Pavia – volle darle un segno ben visibile della presenza e del potere del nuovo signore. Più che una fortezza, il Castello di Pavia fu soprattutto la splendida sede di una corte raffinata, come è ancora possibile intuire dalle grandi bifore esterne, dall'aereo loggiato del cortile e dai resti degli affreschi delle sale interne, elementi che rispecchiano il gusto del gotico internazionale. Nella seconda metà del XIV secolo e nel XV fu un importante centro di produzione artistica, come attestano la presenza documentata di Bonifacio Bembo, Zanetto Bugatto e Vincenzo Foppa, quella problematica di Pisanello o il fatto che alcuni degli affreschi superstiti siano stati attribuiti a Giusto de Menabuoi, Michelino da Besozzo, Giovannino de Grassi e Gentile da Fabriano.

Mutilato nel lato nord dalle artiglierie francesi nel 1527 e successivamente divenuto caserma, il castello è stato restaurato negli anni '20 e '30 del XX secolo e, a partire dal secondo dopoguerra, è divenuto sede dei Musei Civici.

Per informazioni e prenotazioni: castellilombardia.segreteria@gmail

Approfondimenti